Storia del blog

foto di due tazze rosse con sfondo su una piscina

Qui ripercorriamo insieme la storia di MyFedesign. Dopo tutti questi anni a lavorare sul blog non è facile per me capire quando festeggiare l’anniversario del blog, anche perché è stato un progetto nato un po’ per caso e che ha cambiato aspetto, nomi e contenuti nel corso del tempo.

Per questo motivo ho deciso di guardare alle varie fasi della storia del blog come a diverse versioni fatte per arrivare alla versione definitiva, ovvero quella attuale [e ammetto che sono anche stata ispirata dalla storia di CKibe (illustratrice, streamer e Twitch Ambassador) che quando parla del suo brand parla spesso di “versione”, così come si fa con i programmi per PC o per i videogiochi]

”Nessuno nasce imparato” ha detto una volta qualcuno, ed in effetti MyFedesign si è sviluppato grazie a tante prove, test ed errori. Ma è proprio grazie ad essi che il blog e i suoi contenuti sono migliorati, e ho imparato davvero tanto in questi anni, perciò non rinnego questo percorso, anche se sicuramente non è il più consigliato per chi volesse intraprendere un’avventura simile.

Ma andiamo a dare un’occhiata alle varie fasi che hanno caratterizzato la formazione di MyFedesign.


tabella con la storia dell'evoluzione del brand di myfedesign

🌱 Settembre 2015 – Beta A

Nascita del primo blog con il nome di “lamiathailandia.weebly.com”

Il blog è nato inizialmente per rispondere a molti amici e conoscenti che volevano venire in vacanza in Thailandia. Non mi piaceva l’idea di fare continuamente copia incolla delle varie informazioni che volevo condividere, né di inviare messaggi troppo lunghi.

L’idea di avere un posto digitale accessibile da tutti, amici e conoscenti ma perché no, anche amici di amici che magari non si sarebbero osati a scrivermi o sconosciuti, mi sembrava davvero la soluzione perfetta.

E poi avevo già avuto modo di avere a che fare con un blog, anche se solo come collaboratrice esterna. Inoltre, sono sempre stata affascinata dal mondo del graphic design e dei siti web, tanto che già dall’ultimo anno di università (2010) avevo cominciato a sperimentare con Jimdo per creare un mio portfolio digitale.

Ma per questa mia avventura scelsi un altro strumento, ovvero Weebly, che aveva più opzioni rispetto a Jimdo e che mi sembrava esteticamente anche più bello. Il nome che decisi di dare a questo blog fu “la mia Thailandia”, perché qui vi avrei scritto di questo paese, ma usando le mie conoscenze personali e le mie esperienze come punto di partenza: non sono una guida turistica, né una storica, e sono sempre stata consapevole che la mia conoscenza della Thailandia è molto limitata.

Quello che volevo dare erano informazioni dal mio punto di vista, ecco quindi il perché del “mia Thailandia”: perché chi ha avuto esperienze differenti e ha visitato altri posti della Thailandia potrebbe avere un’idea diversa dalla mia.


🌱 Settembre 2017 – Beta B

Nascita del blog secondario sull’interior design con il nome “myfedesign.weebly.com”

La passione per l’interior design mi ha poi portata a voler scrivere dei post riguardanti l’interior design. Questa volta il blog non sarebbe stato solo in italiano, anche perché lavorando spesso come freelance, avevo molti clienti thailandesi che avrebbero potuto mostrarsi interessati a leggere qualche approfondimento sull’argomento interior design.

Il nome “Fedesign” nasce nel 2010, quando uno dei professori dello IED ci disse, mentre preparavamo il portfolio, di scegliere un nome che potesse rappresentarci quando saremo andati a presentare il nostro curriculum per i colloqui di lavoro o per ampliare il nostro portfolio in futuro.

Visto che mi chiamo Federica e mi occupo di design non è stato difficile unire le due parole e quindi “Fede + Design = Fedesign”.

Il “My” è stato aggiunto in seguito, perché banalmente quando creai il mio primo portfolio online il termine “Fedesign” era già stato preso; dovendo cercare un’alternativa ho banalmente aggiunto un “My” davanti, per sottolineare che quello era appunto il “mio” Fedesign – tra l’altro volendo fare la sigla si ottiene “MF”, che sono anche le mie iniziali cognome-nome.

Ciò nonostante, i miei primi progetti di interior design portavano ancora il primissimo logo “Fedesign” (che se lo guardo oggi mi mette molto in imbarazzo a dire il vero, non era affatto bello come logo, ma si sa, da qualche parte bisogna anche iniziare per migliorarsi no?) e ho abbracciato completamente il nome “MyFedesign” solo con l’apertura di questo blog.


🌿 Gennaio 2019 – Alpha

Unione dei due blog in un unico posto, del nome “befinproject.com”

Se cercate sul web informazioni e consigli per creare un blog, leggerete una frase che viene praticamente ripetuta come fosse una regola: parla di un solo argomento, scegli la tua nicchia.

Ma, dopo alcuni anni in cui cercavo di postare costantemente su entrambi i blog, alternando un post a settimana, mi sono resa conto che non ne potevo più dei continui messaggi di Facebook che mi ricordava che “non stavo postando nulla da troppo tempo”.

Così alla fine ho deciso di fare di testa mia: avrei riunito tutto sotto un solo blog, in modo da comprare un solo dominio ufficiale e mantenere la programmazione di contenuti più costante.

Avrei diviso il blog in categorie, in modo che chi fosse interessato solo alla Thailandia potesse seguire solo quella parte di blog, e viceversa. E allo stesso tempo sarei venuta incontro a chi aveva piacere di leggere un po’ di tutto.

Il nome che ho scelto per questa unione è un nome a cui sono molto legata sentimentalmente: Free IS Now, che può essere abbreviato in “FIN”.

Be FIN è un motto che richiama “carpe diem”, ma ammetto che mi ha dato un bel po’ di grattacapi come nome, soprattutto perché non era immediato da dettare o consigliare a qualcuno. Ma all’epoca mi ero intestardita per farlo funzionare, e così ho deciso di usarlo nonostante non mi convincesse al 100%.


🪴 Settembre 2019 – MyFedesign 1.0

Cambio del nome da “Be FiN” a “MyFedesign”

A metà anno mi sono accorta che esisteva un sito con un nome molto simile al mio, e ho dovuto accettare che, nonostante l’affetto che ho per quella frase e quel concetto, “befinproject” non era un nome che sentivo davvero mio.

Sono così tornata sui miei passi e ho “riabbracciato” MyFedesign, un nome che invece mi rappresenta per davvero. Ho però voluto abbandonare il vecchio logo legato ai miei progetti da freelance, e mi sono concentrata maggiormente sulla programmazione di contenuti.


🎋 Marzo 2021 – MyFedesign 2.0

Trasloco del blog da Weebly a WordPress

Il blog ha cominciato a darmi molte soddisfazioni, almeno fino a quando Weebly mi ha negato l’accesso al blog per diversi giorni consecutivi. Non che Weebly non mi avesse mai dato problemi prima, ma era la prima volta che mi sono ritrovata a pensare “e se avessi perso tutto?”

Ho usato Weebly per molti anni, ed ero restia ad allontanarmi, nonostante negli ultimi anni avessi cominciato a prendere maggiore dimestichezza con WordPress , ma alla fine, dopo questo evento, ho preso la mia decisione: era tempo di trasferirci.

Così ho copiato tutti i miei contenuti (appena sono potuta riaccedere) e mi sono spostata su questa nuova piattaforma. Per fortuna WordPress negli anni si è semplificato molto, e non è più necessario conoscere il linguaggio CC o HTML per creare un bel sito.

Si può dire che con questo trasferimento MyFedesign abbia preso una strada più professionale e meno amatoriale, o almeno, è con questa mentalità che ho cercato di portare avanti il blog in questo periodo.


🎍 Gennaio 2022 – MyFedesign 2.1

Piccoli aggiornamenti sui colori e sulle grafiche del blog.

Dopo essermi concentrata sui contenuti, è stato il momento di tornare a dare un’occhiata alle grafiche; la creazione di un brand è un processo che mi ha sempre affascinata e in questi anni mi sono documentata con corsi online e libri sull’argomento, ripromettendomi di mettere in pratica ciò che avevo imparato nel blog.

Ecco quindi qualche piccolo cambiamento nel blog, che ha finalmente un’immagine identificativa, un logo univoco e dei colori precisi, studiati per dare un’idea più coerente di ciò che vuole essere MyFedesign.

Anche la scritta sotto il titolo è cambiata, e ora il motto “free is now” diventa parte integrante del brand, senza neanche troppe forzature (o almeno, così lo percepisco io).

E ora spero che questa versione sia qui per rimanere a lungo… ma non prometto nulla! Al blog piace cambiare ed evolversi (in meglio, o almeno, l’intento è questo).