,

Il famoso poema epico thailandese Ramakien

Attori thailandesi in costume che rappresentano una scena del Ramakien dove Hanuman combatte Thotsakan
Photo by wosunan | EnvatoElements | Hanuman combatte Thotsakan

Il Ramakien è l’opera epica thailandese più famosa e conosciuta dai thailandesi fin da bambini. Ne esistono infinite trasposizioni differenti, dai cartoni animati più semplici, fino alle opere teatrali più complesse. Inoltre i riferimenti alle vicende di quest’opera sono ancora molto presenti nella cultura attuale, per non parlare di tutti i riferimenti presenti nei templi buddisti.

Una mancanza che ho sempre sentito nei confronti della cultura thailandese riguarda la letteratura; ho impiegato dieci anni prima di comprare consapevolmente un libro e sentire di riuscire a leggerlo interamente… ma si tratta comunque di un manuale sull’interior design, non di un romanzo.

E così come sarebbe assurdo per uno straniero pensare di avvicinarsi alla Divina Commedia sapendo solo qualche nozione base di italiano, così io mi sono sempre sentita molto in soggezione davanti al testo sacro dell’epica thailandese, il Ramakien.

Oggi vorrei quindi che mi accompagnaste nella ricerca riguardo questa opera che è alla base della cultura thailandese: il Ramakien. Si tratta di un’opera epica che influenza ancora adesso l’immaginario collettivo per quanto riguarda illustrazioni, libri, film e opere teatrali.

Cos’è il Ramakien ( รามเกียรติ์ )

Ho sentito spesso parlare del Ramakien, ma in modo confusionario, poiché questo poema epico presenta moltissime avventure e personaggi. Lo si potrebbe paragonare all’Iliade e all’Odissea, per capirci, anche se qui ovviamente i fatti e gli dei sono altri, rispetto a quelli a noi più familiari.

Le origini dell’opera Ramakien

Il Ramakien ha tre diverse fonti di ispirazione:

  1. il poema epico indiano Ramayana,
  2. i testi induisti del Vishnu Purana,
  3. e altri testi, come Hanuman Nataka.

Attualmente esistono solo 3 versioni autentiche, a causa della distruzione dell’ex capitale del regno Ayutthaya nel 1767 da parte dei Birmani, che portò alla perdita di moltissimi testi letterali. Una delle versioni attualmente ancora esistente fu redatta nel 1797 sotto la supervisione di re Rama I, il fondatore della dinastia Chakri, che fu autore anche di alcune parti del Ramakien stesso.

Le vicende richiamano quelle dei racconti di Jakata, storie della letteratura indiana che parlano delle precedenti incarnazioni del Buddha Gautama, sia nelle sue forme animali sia in quelle umane, ma tutto viene ambientato in Thailandia, con una trasposizione fedele dei vestiti, armi e luoghi geografici tipici dell’epoca.

due danzatori thailandesi in costumi tradizionali che interpretano una scena del Ramakien
Photo by patong_ens | Twenty20.com | Rama e Sita

I personaggi del Ramakien

Si possono distinguere 4 categorie di personaggi:

  • gli dèi,
  • gli umani, tra cui il protagonista Rama, da cui prende il nome il poema,
  • gli alleati di Rama,
  • e i nemici di Rama.

Phra Ram: il protagonista dell’opera

Rama, o Phra Ram ( พระราม ) secondo il nome thailandese, è il protagonista intorno cui si svolgono le vicende del Ramakien, la cui traduzione letterale sarebbe “la gloria di Rama”. Il protagonista del Ramakien è Phra Ram cioè l’avatar, ovvero l’incarnazione, del dio indiano Vishnu. Questo dio in thailandese viene chiamato Phra Narai ( พระนารายณ์ ) o Phra Witsanu ( พระวิษณุ – in una traslitterazione più o meno corretta del nome indiano nella lingua thai).

Secondo la leggenda, Vishnu si sarebbe reincarnato in un umano, Rama, per punire il re dei demoni Thotsakan ( ทศกัณฐ์ ) / Ravana ( ราวณะ – secondo il nome sanscrito), il più antico nemico del dio.

Sita, la donna contesa

Secondo alcuni miti, la rivalità tra i due sarebbe nata a causa di Sita ( สีดา ), incarnazione della dea Lakshmi, dea della fortuna, della fertilità e della gioia. La figura di Lakshmi ricorda molto quella di Venere, tant’è che, secondo la leggenda, la dea nacque emergendo dall’oceano primordiale. La dea scelse Vishnu come suo consorte.

Da notare come, nel nome thailandese, il nome della dea è Phra Lakshmi ( พระลักษมี ) dove è presente anche il termine “Phra” ( พระ ) che si traduce come dio, dea o, più genericamente, divinità.

Tra le varie incarnazioni di Lakshmi, prima di nascere come Sita, c’è anche Vedavati, la quale attirò l’attenzione di Ravana/Thotsakan che la chiese in sposa. La donna lo rifiutò diverse volte, e Ravana la afferrò per i capelli e la aggredì. Vedavati, devota al dio Vishnu, infuriata da quel gesto si tagliò i capelli e si gettò nel fuoco, non prima di aver maledetto Thotsakan e promettendo di tornare in un’altra epoca e di essere la causa della sua distruzione – la “profezia” si avvererà con la sua incarnazione Sita, e l’uccisione di Thotsakan per mano di Rama.

Due attori thailandesi che rappresentano la scena del Ramakien dove Thotsakan rapisce Sita
Photo by patong_ens | Twenty20.com | Thotsakan rapisce Sita

Thotsakan, il demone verde nemico di Rama

Il re dei demoni Thotsakan è solitamente rappresentato come un demone dalla pelle verde. Thotsakan è un gigante, o Yak ( ยักษ์ ) per usare il termine thailandese. Si dice che avesse 10 facce e 20 braccia, in ognuna delle quali impugnava un’arma diversa.

Thotsakan è un personaggio davvero ambiguo: sebbene sia l’antagonista della storia, è molto popolare, tanto che esistono moltissimi oggetti che lo raffigurano.

Non saprei spiegare perché un personaggio tanto negativo sia invece così tanto apprezzato; forse è perché, con tutti i suoi difetti, risulta molto più umano di altri personaggi. Sicuramente si tratta di un personaggio complicato, e con una storia altrettanto interessante da approfondire.

La morale del Ramakien

Da questi tre personaggi, o meglio cinque se contiamo come personaggi differenti gli dèi e le loro reincarnazioni umane, possiamo già farci un’idea della storia generale del Ramakien. Secondo alcune interpretazioni, il Ramakien non sarebbe altro che un’allegoria del viaggio spirituale dell’uomo, rappresentato da Rama, verso il Nirvana, rappresentato da Sita.

Durante questa avventura, l’uomo deve purificare il suo corpo e il suo intelletto dall’impeto delle passioni. In thailandese le passioni sono da intendere come “peccati”, rappresentati da Thotsakan e i suoi fratelli demoni. Invece l’esercito delle scimmie rappresentano le virtù che permettono l’ascesa dell’uomo.

Personaggi secondari del Ramakien: il dio Hanuman

In realtà ci sono molte altre sottotrame e molti altri personaggi all’interno del poema, che risulta davvero molto lungo. Tra tutti i personaggi secondari il più famoso è sicuramente Hanuman, il dio scimmia, generale dell’esercito di scimmie.

Hanuman è rappresentato come una scimmia bianca, a volte viene considerato come reincarnazione del dio Shiva. Tra le caratteristiche di Hanuman vengono ricordate la saggezza, la devozione, la giustizia, la forza e l’onestà.

Hanuman è il principale alleato di Rama, e il suo ruolo nel Ramakien è cercare di aiutarlo a riunirsi con Sita. Hanuman è il generale dell’esercito delle scimmie che si scontra spesso contro i demoni mandati da Thotsakan. In Thailandia si possono trovare spesso affreschi e quadri che rappresentano queste battaglie, non solo nei templi buddisti, ma anche nei luoghi pubblici.

Personalmente, io ho visto Hanuman per la prima volta su un affresco della hall dell’albergo dove alloggiavamo di solito con i miei genitori quando venivamo in vacanza in Thailandia. Ed è proprio stato quel quadro a farmi interessare alla mitologia thailandese – purtroppo però non ho sottomano alcuna foto di quell’affresco.

Il primo autore del Ramakien

Si dice anche che Hanuman avesse molta compassione degli uomini, tanto che, secondo la leggenda, finita la guerra e dopo l’ascesa di Rama alla sua dimora celeste, Hanuman chiese a Sita di poter rimanere sulla terra per potersi assicurare che il nome di Rama continuasse ad essere venerato. Sita accettò quella richiesta, e Hanuman si ritirò sull’Himalaya, dove cominciò a scrivere la prima versione del Ramayana usando le sue unghie.

Si racconta che il poeta indiano Maharishi Vālmīki si recò da Hanuman per mostrargli la sua versione del Ramayana, per ottenerne l’approvazione. Però, non appena lo scrittore vide la copia del re delle scimmie, cadde in depressione, non ritenendo la sua opera degna di quella originale. Hanuman allora si recò con Maharishi sulla costa, dove gettò la propria opera in mare, offrendola così in dono a Rama, per permettere al poeta di presentare al mondo la sua opera. La copia perduta assume il nome di Hanumad Ramayana.

Altre figure mitologiche e fantastiche ispirate ad Hanuman

La figura di Hanuman è importante non solo per l’opera Ramakien, ma anche per tutto

Si dice infatti che ci sono diversi personaggi fantastici ispirati ad Hanuman, primo tra tutti Sun Wukong del romanzo cinese Viaggio in Occidente (altra opera letteraria asiatica che mi ha molto incuriosito e che influenza gran parte delle culture asiatiche), da cui a sua volta prendono ispirazione diversi cartoni tra cui Dragonball (in cui Goku ha delle caratteristiche che richiamano Sun Wukong) e Saiyuki (che racconta in maniera un po’ più fedele, ma riproponendo le vicende del romanzo con un linguaggio e un mondo più moderno).

rappresentazione grafica del dio scimmia bianca Hanuman
Photo by freepik.com | Hanuman
Rappresentazione grafica del personaggio fantastico di Sun Wukong
Photo by journeytothewest.fandom.com | Sun Wukong
Un attore thailandese in posa che indossa la maschera bianca del dio scimmia Hanuman
Photo by patong_ens | Twenty20.com | Hanuman

Rappresentazioni dell’opera Ramakien

E queste sono le prime informazioni basi sul Ramakien. Ovviamente questa è solo la superficie dell’iceberg di ciò che è veramente questo poema epico, e ammetto che non vedo l’ora di poter approfondire maggiormente quest’opera mastodontica.

Personalmente ho in mente di recuperare qualche contenuto per bambini: in libreria ho visto una bella serie curata di libri illustrati

set di libri illustrati per ragazzi sul Ramakien
Set di libri illustrati per ragazzi basati sul Ramakien
Immagine del demone Thodsakan tratta dal libro sul Ramakien
Immagine del demone Thodsakan tratta da uno dei libri illustrati sul Ramakien

mentre su YouTube dovrebbero essere reperibili diverse serie di cartoni animati per i più piccoli e animazioni thailandesi che si basano su questa opera.

copertina di un video su youtube del cartone per bambini basato sul Ramakien
copertina di un video su YouTube del cartone per bambini basato sul Ramakien

Sicuramente però mi piacerebbe poter vedere qualche opera teatrale, come vi avevo raccontato in questo post sul teatro di marionette e il dettaglio sulla leggenda dell’eclisse lunare. Se dovesse accadere, vedrò di aggiornarvi con qualche post in futuro!

5 risposte a “Il famoso poema epico thailandese Ramakien”

  1. Avatar Ernesto
    Ernesto

    Ciao Federica, sono uno studente di Muay Thai e ho letto il tuo bellissimo articolo. Sai dove posso trovare una versione cartacea del ramaKien in lingua italiana? Cercando online non ho trovto nulla a parte delle versioni in lingua tedesca. Ti ringrazio in anticipo!

    1. Avatar Federica

      Ciao Ernesto! Non credo esista una traduzione ufficiale in italiano del Ramakien… se però te la cavi con l’inglese, su internet ho visto che c’è il libro “The Ramakien: The Thai Epic” scritto da J.M Cadet che presenta anche molte immagini dal tempio Wat Pho di Bangkok ed ha ottime recensioni oppure c’è il libro di Vittorio Roveda (che però su internet mi risulta sia in inglese, anche se dal nome direi che l’autore sia italiano) “In The Shadow Of Rama”, anche questo con recensioni molto buone.
      In alternativa, c’è una serie animata su YouTube (https://youtube.com/playlist?list=PLaFU6eBh1MqDPO4qlYknZKJjmJ4GcepW6) con alcuni episodi tratti dal Ramakien (non ti saprei dire se sono riportati tutti quanti, ma ne avevo viste alcune puntate con mia mamma e non era fatto male). Si tratta di un cartone per bambini (in realtà qui in Thailandia si trovano moltissimi libri per bambini che parlano delle vicende del Ramakien, ma purtroppo sono tutti in thai) con sottotitoli in inglese che secondo me può essere utile per avvicinarsi un po’ alle varie vicende raccontate.
      Se dovessi imbattermi in un’edizione italiana, te lo faccio sapere (e mi ricorderò anche di aggiornare questo post)!

      1. Avatar Maristella
        Maristella

        Complimenti per questo articolo, utile e accurato. Sono in Thailandia a Bangkok e proprio ieri al Royal Theatre ho assistito ad un piccolo atto del treatro Khon, con protagonista Hanuman.

        1. Avatar Federica

          Grazie mille! Spero che lo spettacolo ti sia piaciuto, assistere dal vivo è davvero un’esperienza da provare almeno una volta!

    2. Avatar Francesco
      Francesco

      Salve Ernesto. Il libro di Cadet si trova su internet in inglese a prezzi che vanno da circa 160 a circa 350 euro! Se ti interessa la traduzione in lingua italiana del testo inglese te la posso fornire io, che ho tradotto il libro. Sono diplomato in lingua inglese e traduco libri di paesi orientali, ho la moglie thailandese e passo la mia vita tra l’Italia e la Thailandia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *