,

Silpa Bhirasri e Corrado Feroci

Silpa Bhirasri e Corrado Feroci
Photo by en.wikipedia.org

Oggi vi voglio parlare di uno dei personaggi che credo siano più conosciuti in Thailandia che in Italia: il suo nome di battesimo è Corrado Feroci, nato a Firenze nel 1892, trasferitosi in Thailandia nel 1924 (all’epoca ancora Siam) e diventato ufficialmente cittadino thailandese nel 1943, prendendo il nome di Silpa Bhirasri, durante la seconda guerra mondiale.

Silpa Bhirasri e Corrado Feroci

Il governo thailandese infatti gli propose di diventare cittadino thailandese in modo che potesse ottenere la libertà più facilmente, poiché in quell’anno fu arrestato dai giapponesi, a causa della rottura dell’alleanza tra Giappone-Italia (armistizio dell’8 settembre 1943).

La cittadinanza thailandese non è facile da ottenere, e a Corrado Feroci fu concessa non solo a causa del momento storico, ma anche come riconoscimento per il suo operato, che lo portò a essere considerato il padre dell’arte moderna thailandese.

Silpakorn University

Silpa Bhirasri e Corrado Feroci
Photo by en.wikipedia.org
Silpa Bhirasri e Corrado Feroci
Photo by su.ac.th

L’università Silpakorn a Bangkok è una delle più prestigiose scuole di belle arti della Thailandia, ed è caratterizzata da un logo, rappresentante il dio indiano Ganesh, un motto latino, ARS LONGA, VITA BREVIS, e un inno tutto italiano, la famosa “Santa Lucia” (si dice che Corrado Feroci usasse canticchiare questa melodia mentre lavorava).

Una versione di “Santa Lucia” realizzata dagli studenti della Silpakorn. Alcuni potrebbero sottolineare come il loro italiano non sia perfetto, ma personalmente adoro ascoltare queste versioni (Patrizio Buanne è uno dei miei cantanti preferiti: non saprei dire perché, ma mi piace davvero molto ascoltare la pronuncia inglesizzata dei termini italiani).

Se poi pensiamo che sono più di 70 anni che diverse generazioni di allievi hanno imparato l’inno a memoria, e senza l’aiuto di professori di origine italiana che potessero riprendere le imperfezioni di pronuncia, ritengo che sia ancora facilmente comprensibile e non così “storpiata” come interpretazione vocale.

E come direbbe mia mamma “se pensi che la loro pronuncia sia da rimproverare, allora comincia tu a parlare in thailandese! Poi ne riparliamo…”

L’università Silpakorn è stata fondata da Corrado Feroci a Bangkok nel 1943; attualmente è una delle scuole più famose, che comprende una vastissima scelta di facoltà: oltre alle facoltà di pittura, scultura e arti grafiche, arte, arti decorative e musica, ci sono anche le facoltà di architettura, archeologia, educazione, scienze, farmacia, ingegneria, comunicazione, scienze…

Inizialmente la scuola era soltanto un dipartimento di belle arti, fondato nel 1933 e comprendeva solo le facoltà di pittura e scultura. Nel 1943, anche grazie ai diversi lavori commissionati al professor Silpa Bhirasri/Corrado Feroci, la scuola acquisì prestigio e cominciò ad aprirsi anche ad altri dipartimenti.

Silpa Bhirasri/Corrado Feroci
e la monarchia thailandese

Silpa Bhirasri e Corrado Feroci
Rama IX e la Regina Madre alla visita della 13 edizione dell’Art Exibition alla Silpakorn University nel 1962 | Credit image: thaiscience.info

Corrado Feroci ebbe l’occasione di venire in Siam nel 1922, quando vinse un bando di concorso per artisti italiani organizzato dalla monarchia thailandese, sotto il regno di re Rama VI, che stava cercando di modernizzare il paese.

L’Italia era già stata adocchiata dai thailandesi dell’epoca, grazie ai viaggi a Torino di re Rama V, che era rimasto affascinato dalla bellezza della città italiana: e i contatti con artisti, ingegneri e architetti italiani (soprattutto piemontesi) andavano avanti dalla fine dell’Ottocento – ne sono testimoni tutti i progetti di palazzi, ponti e monumenti presenti a Bangkok.

Inizialmente la sua avventura siamese fu come scultore di corte nel 1924, stipendiato dal Dipartimento delle belle Arti dell’Istituto Reale, e immediatamente “protetto” da parte del principe Naris, zio del sovrano, che rimase impressionato dall’opera che gli commissionò.

Nel 1926 Corrado Feroci organizzò il primo corso gratuito per aspiranti scrittori e scultori, che vide molti bravissimi artisti parteciparvi, e alcuni di essi furono assunti come assistenti nel dipartimento di belle arti. Il governo rimase talmente impressionato dal livello raggiunto dagli studenti del corso, che richiese all’artista italiano di organizzare una vera e propria scuola, ma, a causa di mancanza di fondi, questa idea non venne realizzata immediatamente.

Il più grande cambiamento che visse sulla propria pelle fu però il cambio di governo nel 1932, quando, dopo un colpo di stato, la monarchia assoluta divenne monarchia costituzionale. Il Dipartimento di Belle Arti venne trasferito al Ministero della Pubblica Istruzione, e Corrado Feroci venne trasferito alla divisione di Architettura, per poi spostarsi nuovamente nella nuova scuola d’arte Silpakorn come docente e rettore, fondata grazie al direttore del dipartimento di Architettura stesso.

ARS LONGA, VITA BREVIS

Silpa Bhirasri e Corrado Feroci

La passione per l’arte di Corrado Feroci, lo portò a cercare un linguaggio universale artistico che potesse aiutare a carpire il significato più profondo dei capolavori delle diverse culture nazionali.

E per comprendere meglio l’arte thailandese, egli ne studiò anche la lingua, la cultura, il pensiero, la filosofia e la religione. Nei suoi studi si rese conto della necessità di preservare i capolavori dei diversi stili siamesi classici, facendo proposte per la loro conservazione e influenzando anche l’archeologia locale.

Come professore, cercò sempre di spronare i propri studenti ad esprimere la propria creatività, ed è ancora oggi visto come modello e come padre spirituale per ogni alunno (o ex-allievo) della Silpakorn University.

Silpa Bhirasri e Corrado Feroci
Anche il Google Thailandese, nel 125 anniversario della nascita, dedicò il doodle del titolo a Corrado Feroci, anzi, a Silpa Bhirasri

Ultima chicca: ogni 15 settembre gli studenti ed ex-studenti della Silpakorn University festeggiano “il giorno di Sin Bhirasri” (dove il nome thai “Silpa” viene abbreviato in “Sin”), poiché è proprio in questa data che si festeggia l’anniversario della sua nascita.

Ed è anche toccante sapere che, se vi capiterà mai di incontrare un ex studente della Silpakorn (come è successo a me), nel sapere che siete italiani, molto probabilmente, invece di indicarvi e dire “pasta, pizza e football” cominceranno ad intonare l’inno della Santa Lucia…

Come potete vedere, all’estero non siamo solo “pizza mafia e mandolino”, anche grazie a questi grandi personaggi che hanno mostrato non solo quanto possa essere bella la cultura italiana, ma soprattutto la loro umanità nell’usare le proprie forze per migliorare la vita in un altro paese.

Il murales “rinnovato” in occasione del Silpa Bhirasri Day del 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *